Rotary Rimini Riviera: 22mila euro per l’Anatomia Patologica dell’Ospedale "Infermi"

Serviranno all’acquisto di 2 microscopi ottici e di una camera digitale

Rotary Club Rimini Riviera

Lo slogan “dal micro al macro: un piccolo contributo per un grande risultato” ha introdotto una sorprendente raccolta fondi a favore del reparto di Anatomia Patologica dell’Ospedale di Rimini, al fine di aggiornare la strumentazione indispensabile per tutte gli esami e diagnosi isto-cito-patologiche. Il culmine della raccolta si è raggiunto con il convegno di sabato 11 marzo, promosso dal Rotary Rimini Riviera, in collaborazione con l’associazione Crisalide, e organizzato dall’equipe di professioniste dell’Anatomia Patologica dell’ospedale di Rimini. Le dottoresse hanno illustrato con grande passione e impegno il loro lavoro di squadra per fornire diagnosi tempestive, che fanno la differenza nella prevenzione e cura dei tumori. La grande professionalità e la loro generosità nell’opera di divulgazione, rispondendo alle tante domande di cittadine e cittadini presenti, ha conquistato il pubblico, anche di privati, che ha risposto generosamente alla raccolta fondi, già peraltro consistente, avviata dal Rotary Club Rimini Riviera e dall’Associazione Crisalide.

E’ con grande gioia che Mirca Zavatta e Roberta Mariotti del Rotary Rimini Riviera annunciano il grande risultato che ha superato le aspettative. Grazie ai numerosi sponsor (IOR, Crisalide, Banca Malatestiana, Federfarma Rimini e tantissimi altri) uniti ai privati che hanno risposto all’appello sono stati raccolti 21.960,00 che serviranno all’acquisto di 2 microscopi ottici e una camera digitale. Ma non è tutto: poiché la raccolta è risultata ancora superiore alla cifra preventivata, verrà fatta una nuova richiesta di acquisto per un ulteriore microscopio ottico del valore di euro 7.625,00.

Un grande risultato dunque per la nostra città che ha partecipato attivamente e ha riconosciuto il grande impegno delle professioniste che con grande spirito di squadra hanno saputo portare alla luce il loro prezioso e importante lavoro per tutti noi.

Rispondi