Investimenti immobiliari a Rimini: rendimento e tendenze nel 2022

Sono i dati dell’Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa

Sportello affitti emergenza abitativa

Il 18,2 % delle compravendite immobiliari, nella seconda parte del 2022, è stato realizzato per investimento, in leggero aumento rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso quando la percentuale era intorno al 16,5%.
L’inflazione ancora elevata, infatti, sta spingendo i risparmi sul mattone che viene sempre considerato un ottimo impiego del capitale. Influisce anche il ritorno dei flussi turistici che ha portato nuovamente alla ribalta gli acquisti di immobili da destinare a ricettività sia nelle città più attrattive sia nelle località turistiche. L’analisi condotta dall’Ufficio Studi Gruppo Tecnocasa prende in esame locazioni a lungo termine e non stagionali. La possibilità di ottenere canoni di locazione continuativi induce prudenza nei proprietari, soprattutto negli ultimi tempi alla luce dell’incertezza e dei rincari dei costi energetici. I rendimenti annui da locazione restano comunque interessanti: per un bilocale di 65 mq nelle grandi città italiane si è attestato intorno al 5,1%, le metropoli che spiccano per avere i rendimenti maggiori sono: Genova con il 6,4%, Palermo con il 6,3% e Verona con il 6,2%.
A Rimini il rendimento per un bilocale è del 4,7%, per un trilocale è del 4,4%. A San Marino il rendimento per bilocale si attesta al 5,63%, un trilocale viaggia intorno al 4,84%.

Rispondi