Rimini Calcio, ko a Pontedera. Decide il gol di Aurelio (1-0)

Le pagelle dei biancorossi: gara poco brillante sia come gioco di squadra che come individualità

Pagelle Torres Rimini,

Quarta partita consecutiva di campionato senza vittoria per il Rimini, sconfitto 1-0 dal Pontedera. Per i biancorossi è la seconda sconfitta in trasferta, dopo il 2-1 di Lucca, ma ciò che preoccupa è la prestazione: in linea con quella dello 0-0 di Siena e anche con la sconfitta casalinga subita dalla Carrarese. A Pontedera i ragazzi di Gaburro sono stati anche sfortunati: hanno creato poco, ma quel poco è rappresentato da due grandissime occasioni per Vano, fermato da Siano e dalla traversa. In più c'è anche un atterramento in area subito da Santini. Ma al di là degli episodi, c'è indubbiamente stanchezza tra le fila dei biancorossi: il dispendio di energie mentali, ancor prima che fisiche, del derby ha presentato il suo conto, così gli infortuni, che hanno tolto alternative a Gaburro nel reparto offensivo, il punto di forza della squadra. Serve recuperare Gabbianelli e Sereni, nonché Piscitella. Il reparto in cui suona l'allarme è però il centrocampo. Qui la medicina si chiama Tonelli, giocatore decisivo nel brillante inizio di stagione. Abbiamo ritenuto il Rimini una squadra dall'organico profondo. Ecco, forse a centrocampo il campo ha restituito meno certezze e a gennaio servirà un innesto di spessore. Il calendario continua a essere serrato. Lo è anche per il Pontedera, ma evidentemente i toscani hanno trovato energie proprio sulla scia dei risultati positivi conseguiti.  Torres al Neri e Recanatese in trasferta, in mezzo una partita di Coppa Italia che arriva al momento sbagliato. I recuperi di Gabbianelli e Sereni daranno un altro spessore alla squadra, così il ritorno di Pietrangeli e Allievi in difesa (difesa a tre con Panelli?). La cavalleria sta per arrivare. Adesso bisogna stringere i denti e resistere, nel momento in cui il vento sta soffiando contro in maniera inesorabile. 

PAGELLE 

Rimini

ZACCAGNO 6: le mani non gli tremano mai, il Pontedera certo gli dà una mano spesso, con conclusioni imprecise o con telefonate. Sul gol non può nulla.
TOFANARI 6: vero, sbaglia sul gol. Ma altre volte è stato puntuale nelle diagonali difensive. Ha messo delle pezze, si veda nel primo tempo l'occasione di Cioffi.
GIGLI 5.5: Benedetti lo "svernicia" in velocità. Fatica (REGINI 6: fa valere la sua personalità e cerca anche fortuna in area). 
PANELLI 6: un salvataggio decisivo di testa in avvio. Si spinge in avanti per cercare sbocchi al gioco. Anche oggi, in una partita "grigia", non demerita. 
LAVERONE 5.5: spinge tanto pur  avendo di fronte un avversario temibile (Aurelio), ma spreca troppi cross (TONELLI 6: mette lo splendido cross per la testa di Vano nell'occasione della traversa. Pronto per riprendersi la maglia da titolare con la Torres). 
DELCARRO 5.5: sostituito a inizio ripresa, quando ci sembrava che la gamba iniziasse a girare (TANASA 5.5: entra e prende subito un cartellino giallo. Forse andrebbe riproposto nel suo ruolo di mediano del centrocampo a tre). 
PASA 5: sovrastato dai centrocampisti avversari, si fa portare via palla in area da Ladinetti che sfiora il raddoppio. 
ROSSETTI 5.5: sfiora il gol su punizione ed è bravo a recuperare e a crossare il pallone nell'occasione di Vano. Ma per il resto è la solita partita (derby a parte) ai bordi della sufficienza (ROSSO 5: non riesce a trovare il guizzo in avanti. Partita anonima). 
HAVERI 5.5: cerca spazi centralmente, ma sbaglia una rifinitura banalmente e regala un clamoroso contropiede al Pontedera. Troppi errori di tocco. Meglio nella prima parte della ripresa. Con la sua fisicità cerca e trova spazio, spedisce un paio di cross interessanti. 
MENCAGLI s.v. (VANO 5.5: è anche sfortunato, colpisce infatti una traversa clamorosa. A fine primo tempo ha avuto l'occasione di raddrizzare la partita. Bravo Siano, ma poteva fare di più). 
SANTINI 6: appassionante il duello con Espeche, l'arbitro non gli fischia un rigore per fallo di Marcandalli. Lotta come sempre come un indemoniato. Mezzo voto in meno per il cartellino giallo sventolatogli per le proteste. 
All. GABURRO 5.5: sceglie il 3-5-2 e questa volta sembra non aver fatto la scelta giusta. Passa giustamente al tridente, ma l'assenza di Gabbianelli si è fatta sentire. 

Pontedera

SIANO 6.5: Vano gli calcia addosso la palla del pareggio. Ma lui c'è. Sicuro anche nelle uscite.
MARCANDALLI 6: in sofferenza nel primo tempo, più deciso nella ripresa, nonostante la spada di Damocle del cartellino.
ESPECHE 7.5: una muraglia in difesa. Lo spot della sua partita è il doppio intervento prima in scivolata su Santini, poi di petto a intercettare il cross di Laverone. Gigantesco.
SHIBA 6.5: il centrale scuola Sassuolo ha una grande fisicità e la sfrutta pienamente. Crescita progressiva in questa stagione (MARTINELLI 5.5: sembra concedere qualcosa di più e prende anche un cartellino giallo poco dopo l'ingresso in campo). 
PERRETTA 6: corsa al servizio della squadra e buon presidio della fascia in contrapposizione ad Haveri. 
LADINETTI 7: nel primo tempo giganteggia, sfiorando anche il gol del raddoppio. Giocatore che sa dare ordine al gioco, con buonissime qualità tecniche. Che ci fa in C?
CATANESE 6.5: spreca un'occasione clamorosa, ma sulle seconde palle si fa valere. 
AURELIO 7: giocatore di grande forza e di senso tattico, decide la partita, confermandosi uno dei migliori esterni del campionato. 
BENEDETTI 7:  avesse più finalizzazione, potrebbe puntare quantomeno alla Serie B. Quando parte in accelerazione, fa venire il mal di testa ai giocatori biancorossi (GUIDI 5.5: sbaglia un gol clamoroso). 
FANTACCI s.v. (CIOFFI 6.5: talento cristallino, a volte un po' troppo egoista, se acquista più cinismo può pensare a palcoscenici molto più gratificanti per le sue qualità. MUTTON s.v.). 
NICASTRO 6.5: il gol nasce da un suo cross. Svaria su tutto il fronte offensivo senza lasciare punti di riferimento (PETROVIC s.v.). 
All. CANZI 7.5: tanto di cappello. Il Pontedera dei giovani (sei under in campo, dopo l'infortunio di Fantacci sette!) a tratti gioca un calcio di qualità e si difende comunque bene nei momenti di sofferenza. 

Rispondi