Rimini, tanti interventi agli impianti sportivi. E si avvicina ottobre: mese cruciale per il Romeo Neri

Impianti sportivi, il punto degli assessori Morolli e Maresi

Facciata storica nuova stadio Romeo Neri impianti sportivi

Il progetto di riqualificazione del sintetico del campo sportivo di Miramare si affianca alle riqualificazioni, in corso e programmate, dell’impiantistica sportiva diffusa su tutto il territorio comunale. Lo evidenzia l’amministrazione comunale di Rimini.

Si tratta di nuovi interventi di riqualificazione per un valore complessivo di circa 750mila euro, che vanno da nord a sud della città e che si focalizzano in particolare sulle strutture di quartiere. 

Con l’ultima variazione di bilancio, approvata in Consiglio comunale, il piano ha previsto anche la riqualificazione della Palestra Carim, dove è stata posta un’attenzione particolare alle persone diversamente abili e dove era necessaria la ristrutturazione della copertura al fine di ripristinare la capacità isolante ed impedire così che possano verificarsi infiltrazioni di acqua piovana. 

Tra gli interventi c’è anche quello che interessa il centro sportivo via della Fiera, dove saranno demoliti e ricostruiti gli spogliatoi a servizio dei campi da calcio. Lo spogliatoio sarà realizzato seguendo le caratteristiche previste dalla normativa Coni, avrà una superficie di circa 100 mq e dotato di moderne tecnologie impiantistiche.

Spostandosi a nord della città, in programma anche la sistemazione del campo da calcetto a servizio degli sportivi di San Vito.   

A Viserba sono invece partiti i lavori per la realizzazione della nuova piscina comunale, investimento dal valore complessivo di 10,5 milioni di euro, cofinanziata co risorse Pnrr per 2,1 milioni di euro (a cui si aggiungono 1,4 milioni dal fondo statale per opere con avvio indifferibile). Già avviati anche i lavori per il centro sportivo di Corpolò, opera dal valore di oltre un milione di euro che consentirà in particolare la realizzazione di un campo da calcio in erba naturale e un blocco per gli spogliatoi con impianto fotovoltaico. 

Si completeranno invece entro la fine dell’estate i diversi interventi di manutenzione straordinaria di impiantistica sportiva che riguardano tra gli altri lo stadio, il palasport Flaminio, l’attuale piscina comunale e la palestra di Miramare.  

Rientrano infine anche i due interventi di minore entità ma comunque importanti, come la sistemazione del circolo tennis di Torre Pedrera e della bocciofila del Parco Spina Verde.

“Si tratta di un programma di interventi diffuso, che tocca tutto il territorio comunale – precisano gli assessori Moreno Maresi allo Sport e Mattia Morolli ai Lavori Pubblici –  Intendiamo garantire non soltanto centri sportivi moderni e di qualità, ma anche luoghi di incontro per tutti i cittadini, dai giovani ai meno giovani, dagli agonisti agli appassionati”.

“Oltre alla riqualificazione del campo di Miramare – spiegano – sono inseriti nel piano anche altre opere importanti, come la riqualificazione della Palestra Carim, l’intervento di ristrutturazione che interessa il centro sportivo di via della Fiera, il centro sportivo di Corpolò e anche la sistemazione del campo da calcetto a servizio degli sportivi di San Vito. Parliamo di interventi estesi in tutto il territorio anche nelle strutture dei quartieri esterni al centro città. Spazi fondamentali che svolgono al contempo anche importanti presidi di socialità e indispensabili funzioni di aggregazione per la comunità”.  

Impianti sportivi: attesa per il Romeo Neri

Entro il mese di ottobre 2023, secondo gli impegni assunti precedentemente, il raggruppamento privato “Aurora Immobiliare” dovrebbe presentare al Comune di Rimini lo studio di fattibilità, attraverso lo strumento del partenariato pubblico-privato, finalizzato a promuovere la realizzazione di uno stadio per il gioco del calcio, adeguato alle esigenze contemporanee, inserito  nell’ambito di una  più ampia riqualificazione del quadrante urbano in cui il “Romeo Neri” si colloca.

Una proposta che sarà oggetto di attenta valutazione da parte dell’Amministrazione a cui l’Ente si sta preparando con la costituzione del gruppo di lavoro intersettoriale interno al Comune che dovrà seguire il procedimento per il nuovo stadio Romeo Neri.

Il gruppo di lavoro vedrà la partecipazione dei dirigenti e dei funzionari dei diversi ambiti coinvolti nel progetto di riqualificazione dell’impianto, che come detto si amplia anche al contesto circostante, unendo le competenze del personale dei settori quali ad esempio facility management, lavori pubblici, sport, ambiente, pianificazione del territorio, mobilità, attività economiche.

Rispondi