Alcool al volante: a Rimini fioccano sanzioni e saltano 11 patenti

Alcool al volante, ma non solo: il report degli interventi della polizia locale di Rimini

Patente test etilometro polizia locale Rimini Codice della Strada

Alcool al volante, continua l’importante attività della Polizia Locale di Rimini sul fronte del contrasto all’abuso di alcol per chi si mette al volante. “Un impegno esteso al tutto il territorio comunale, che si concentra soprattutto nei luoghi della movida per garantire la sicurezza stradale e la prevenzione degli incidenti stradali causati da chi guida dopo aver alzato un po’ troppo il gomito“, evidenzia l’amministrazione comunale di Rimini.

Sono state 16 le sanzioni per guida in stato d’ebbrezza, accertate dagli agenti della squadra giudiziaria della Polizia Locale di Rimini, nel turno terminato alle ore 7 di questa mattina (Sabato 24 giugno), con un posto di controllo nella zona del porto, tra piazzale Boscovich e via Colombo. 

Sanzioni che hanno comportato 11 ritiri di patente di guida per aver superato i limiti consentiti, testati dall’etilometro e previsti dal Codice della Strada. Tra queste 7 patenti sono state sospese da 3 a 6 mesi, perché i rispettivi conducenti hanno fatto registrare un valore tra 0,50 e 0,80 g/l . Mentre altri 4 si sono visti notificare la sanzione più grave, che prevede la denuncia all’Autorità Giudiziaria e la sospensione fino ad 1 anno. 

Tra i 16 sanzionati poi ci sono anche 4 neopatentati che, non avendo fatto registrare un tasso alcolemico pari allo zero, come previsto dalla norma per chi ha la patente da meno di tre anni o meno di 21 anni, si sono visti comminare la sanzione di euro 169 e la decurtazione di 5 punti sulla patente. 

Alcool al volante, ma anche sul monopattino

Tra le persone controllate da segnalare anche il comportamento di un conducente di un monopattino a noleggio, sorpreso con un tasso alcolemico pari a 0,63 g/l, che ha nascosto le proprie generalità agli agenti, dichiarando il falso.  Per questo è stato denunciato per l’ipotesi di reato di false generalità rese a pubblico ufficiale.

Rispondi